Domenica di Carta 2020 - Epidemie e antichi rimedi nelle carte d’archivio

Archivio di Stato di Cosenza

11 ottobre 2020 - Mostra documentaria

Not_GrecoR_1795_voto

La ricerca delle fonti storiche sul quotidiano della vita collettiva,  specie nei momenti di maggiore difficoltà, fa emergere un fenomeno interessante e cioè quanto più avanti è il progresso scientifico, tanto più si risveglia l’interesse verso la ricerca sul passato. Le epidemie hanno avuto un ruolo rilevante nella storia dell’umanità sul piano sanitario, demografico, sociale ed economico e il patrimonio di conoscenze e di valori acquisito attraverso secoli di lotta è esaminato con il rispetto dettato dalla consapevolezza di un’esperienza condivisa, vissuta anche nel presente, sebbene con forme e metodi diversi, ma con la stessa angoscia e lo stesso terrore.

Per la Domenica di carta 2020 l’Archivio di Stato di Cosenza propone la mostra documentaria “Epidemie e antichi rimedi nelle carte d’archivio” a testimonianza delle diverse malattie infettive quali la peste, la lebbra, il vaiolo, il colera, il tifo, l’influenza e la tubercolosi, che tanto hanno influito sulla salute delle popolazioni, e  degli effetti e reazioni di fronte ad eventi inattesi e imprevedibili.

Epidemie affrontate con la prevenzione e la quarantena mediante una rigorosa igiene degli ambienti, della biancheria, delle strade, delle piazze e dei lavatoi pubblici; curate con salassi e mignatte alla testa, espettoranti, vescicatori e polvere inglese oppure con polvere di radice di ipecacuana e ratania, oppio puro, spirito di vino canforato; contrastate con i cordoni sanitari e l’isolamento;  monitorate con i bollettini sanitari;  studiate mediante la ricerca di un olio con le stesse proprietà fisico-chimiche dell’olio di cajeput; sconfitte, come nell’ordinanza del 1866 del Prefetto di Cosenza in cui si autorizza la libera circolazione delle persone e delle merci, la riapertura del mercato settimanale, la revoca di tutte le disposizioni eccezionali di precauzione adottate in occasione della luttuosa epidemia di colera.

Epidemie scampate per intercessione divina, i cui ringraziamenti si manifestano con il voto solenne in onore dell’Immacolata Concezione di Maria, per aver risparmiato la città dal contagio della peste.

La mostra documentaria è un invito non solo alla riflessione, bensì alla ricerca, attraverso le vicende del passato, di uno stimolo per reagire e non lasciarsi sopraffare. 

Allestita nel Chiostro del Complesso monumentale di San Francesco di Paola, sede dell’Istituto, la mostra è visitabile Domenica 11 ottobre, dalle ore 9.00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00

Non occorre prenotazione ma vige il rispetto delle regole anti COVID.

Domenica di carta 2020 - Epidemie